Breviscima Stˇia de Sann-a

Andare in basso

Breviscima Stˇia de Sann-a

Messaggio Da Ospite il Mar Mag 13, 2008 2:09 am

Antig÷ šentr÷ di LigŘri Sabasţ, a šittae a l'Ŕ stŠta alleń de Cartagine int'a segunda guŕra punica, cuntra Rumma (za alleń de Zena). Doppu differÚnti avegnimÚnti alterni, Rumma a suttumette a-a fin Sann-a a l'inširca int'u 180 p.d.C. e a-a denominn-a Savo, Oppidum Alpinum. Cun l'inprinšipio de migrasi¨i de pop÷li Germanici, Sann-a a l'intra in decadensa e a vegne distrűta d÷ tŘtt÷ int'÷ 641 da ÷ re lungubńrdu Rotari.
Sann-a a se retýa sciŘ sutta ńi Franchi de Cńrlumagnu, divÚgne cuntÚa, e a riprende a mercantezń in-scio mń. Doppu aspre lotte cu-i pirńti saraceni, ch'i obligÓn a l'imbastý diverse t÷ri de avýstamento, a se custituisce Liberu CumŘne int'o 1191 (Hoc habet ex Coelis, q. sit Saona fidelis ÷ seiÔ ÷ mottu mediŕvńle do Libero CumŘne).
Int'o XI secolo Sann-a, a l'inprinšipiu alleń cu a Repubbrica de Zena, a l'intrapreixe dŘe lotte ma anche forti intrÚšši cun lÚ, specialmente c÷ famiggia di Campufregusu, che cun di s÷ espunenti (Gińnu I de Campufregusu ma, in pÓrticolńre, Tumńsu de Campufregusu) a šerca d'inciantńghe inn-a scigniurýa persunń.
E lotte cun Zena i finiÓn tragicamente pÚ Sann-a int'u 1528, cun a definitiva cunquista de Andrea Dˇia. Stu fŠto ÷ prov˛ca 'na quantitŠ de mˇrti e a demulišoin de l'antighiscima acrop÷li cun a Catedrńle de Santa Maria de Castellu (Santa Maria Assunta o, ascý, Santa Maria Maggiű) e in nŘmer÷ de custrussi¨i civili e religiuse, fin'anch'ńa ciŘ grande p˘rte de t÷ri de famigge nobili.
Í disastru ec˛nomico ÷ vegne per˛ dal'interamento d¨÷ p˛rto (ch'u se stimma o fuisse, int'u primmo Trexento, int'i primmi 5 du MÔ Mediterraneo pe capacitŠ de pescaggio de grosse nńvi da carego).
A÷ p˛sto do 21% circa d÷ tesc-Řu urban d'a šitae, demulýu leteralmente pria insce pria e reimpieg÷ pe'nterń ÷ bacin purtuńle, a sÚiÓ custruýa l'impunente Furtessa du Prýamar, insc'ei rŘderi de l'ant´g÷ Oppidum romÓn.
Da st÷ mument÷ in avanti Sann-a a segue ÷ destin dń Repubbrica de Zena.
St˛icamente a l'a viscŘu u¨÷ s˘¨÷ mumento de mascimo splend˛re ec˛nomico intr'a ń fin d÷ XIII e a meitŔ d÷ XIV seculo, ma anch'÷ a l'Ŕ ricurdń da qarched'un anche cumme "a šittae di Pappi". ▄nn-a de famiggie ciŘ blasunnŠ d'a šittŠe, i Della Rovere, a n'a avŘu ben duý: Francesco della Rovere, ch'u seiÓ Pappa Sisto IV, e s÷ neu Giuliano della Rovere, pappa cun u numme de Giulio II. Prufitandu d'a parentella cun i Della Rovere, anche i Riario l'aviÓn impurtanti puzišiuýn de putÚre, cumme Girolamo Riario, ch'u divÚgniÓ Segn¨ de Imula e de Furlý.
Sisto IV ÷ l'Ŕ stŠtu Pappa da Cappella Sistinn-a (inn-a segunda CappÚlla Sistinn-a a l'Ŕ propriu a Sann-a, cumme mausuleu di vŰgi d÷ pappa), Giulio II ÷ "mecenate" de Michel'Angiu e de Raffaello. Sutta Giulio II i cuminšan ÷ s÷ servixu e Guńrdie Svissere, ch'anc¨n inch'÷ i portan in-sce a divisa ÷ blÔs¨n da ruvia savuneize.
Int'o Settešentu a šittae a recuminša quarche ativitÚ mainń. Cun i n÷vi cummerci a sciuýsce turna l'ńrte, e Sann-a a se abelissce de palassţ scignurili, ville e gexie.
Int'o 1809 a šittae a rišeive Pappa Pio VII, prixonnÚ de Napuleun Buonapńrte, da ÷ quńle l'antţga Fossavaria a l'Ŕ battezzń Via Pia.
Cun Rumma e Avign¨n, Sann-a - cappul÷gu d÷ dipartimento franceixe n░108 u de Munten÷tte - a l'Ŕ staeta a 3a unica ńtra sede Řficińle da storia da Gexia.
Int'o 1815 u Cungressu de Vienna u stabiliÔ, cuntra u vurŔi d'u Guvernu legittimu (sensa in ezercitu pe poreise fń varei), e cuntra u vurŔi du Populu, l'annesci¨n d'a cŘrtiscima RepŘbbllica LigŘre (zŘgnu-dixembre 1814) ai territˇri du Reamme de Sardegna, cu-u quńle a intriÓ in t'o n÷vu Rŕgnu d'Itallia da o 1861. Vitˇiu Emanuele II u l'aiva definýu pochi anni primma u populu "Canaglia Genovese", dunque u n'u gh'aea quellu ch'u se ciamiaeva in raportu de am¨ fra in Re n÷vu e a s÷ Gente.
Sutta l'amministrasi¨n Napuleonica du prŕfettu Gilbert Chabrol de Volvic, a šitae a vedde inn-a lenta ma segŘa repreisa, ch'a l'aviÓ cumme n˘du vitńle a vegnŘa da ferruvia e pˇi, in t'u 1861, l'avertŘa du stabilimŔntu de ferrÚe Tardy & Benech, semensa da revuluši¨n indŘstrińle savuneize.
A st˛ia da siderŘrgia int'a fidelissima a finýa s÷lamente 130 anni ciŘ tńrdi.
In t'a segunda guŔra mundińle a sitae a l'a subýu pesantiscimi bumbardamenti aÚrei ufficialmente pe a presÚnsa de indŘstrie belliche e d÷ p˛rto, ch'i l'an pruvuc˛ grńvi danni, specie ai antighi quartŕ da zona p˛rtuńle. Intensiscimu ÷ l'Ŕ stŠtu ÷ bumbardamento navÔ do 14 zugnu 1940 quande Sann-a, inŘtilmente difeixa da e batterie in-scia c˛sta e da in trÚnu arm÷ appust˛ a Arbis÷a SŘperiure, a l'Ŕ stŠa bersaggio de ciŘ de šinquesentu cˇrpi d'artiglierýa sparŠ dń a marinn-a franšeixe.
Int'o dopuguŰra e scýnno ńi anni setanta a šittŠe a sŔ svilŘppń cumme šentru industriÔ e marittim÷. A l'Ŕ in trasfurmasi¨n aspirand÷ a ŕse pol÷ d'attrašoin tŘristega dai anni n÷vanta, doppu vint'anni de stagnašoin duvŘi ńa pruf÷nda crisi indŘstriÔ cun a fin de diversi stabilimenti.
Int'o periudo tra ÷ trenta arvý 1974 e mazzu d÷ 1975 Sann-a a l'Ŕ stŠta vittima de "B÷mbe de Sann-a" cioŔ de attent÷ti terruristici che faxeivan pÓrte de in pr÷getto Našionale.
─a giurnń de inch÷ Sann-a a l'Ŕ a porta prinšipńle de intrńta ai l÷ghi turistici de l'intrutŠra e da RivÚa de e Pńrme, e cittŠ tŘristica a l'Ú mŕxima. Sann-a a l'Ŕ anche in imp÷rtante apr˘du pe cruxaeae du MÔ Mediterraneo.
L'insediamento che prenderÓ il nome di Savona esiste giÓ, dalla media etÓ del bronzo, sull'altura del Priamar, alla foce del torrente che Ŕ chiamato Lavaniola (il nome Letimbro avrÓ origine nel XVIII secolo, per iniziativa della colonia intellettuale degli Arcadi Sabazi). Antico centro dei Liguri Sabazi, la cittÓ, "ligure", fu alleata di Cartagine durante la Seconda guerra punica, contro Roma giÓ alleata di Genova, "romana", come tramandato da Tito Livio nell'Ab Urbe Condita (XXVIII, 46). Dopo alterne vicende Roma sottomise infine Savona attorno al 180 a.C. e le diede il nome di Savo Oppidum Alpinum. In epoca romana Savona venne dalla fine del II Secolo A.C. a soppiantare il ruolo di Genova come porto principale della Liguria.
Con l'inizio delle migrazioni di popoli germanici, Savona entr˛ in decadenza e venne distrutta completamente nel 641 dal re longobardo Rotari.
Savona risorse sotto il dominio dei Franchi di Carlo Magno, e divenuta contea, riprese i commerci sul mare.
Dopo aspre lotte con i pirati saraceni, durante le quali furono costruite una serie di torri di avvistamento, si costituý in libero Comune nel 1191 (Hoc habet ex Coelis, q. sit Saona fidelis sarÓ il motto medioevale del Libero Comune).
Nell'XI secolo Savona, dapprima alleata con la repubblica marinara di Genova, intraprese aspre lotte ma anche forti intrecci con essa, in special modo con la famiglia Campofregoso, che con alcuni suoi esponenti (Giano I di Campofregoso ma, soprattutto, Tomaso di Campofregoso) tenta di instaurarvi una signoria personale.
Il complesso quadro internazionale sarÓ una delle cause principali della decadenza del comune. Le lotte con Genova si concluderanno tragicamente per Savona nel 1528, con la definitiva conquista da parte di Andrea Doria ed Antoniotto II Adorno. Ci˛ comporterÓ, oltre a numerose vittime, la distruzione dell'antichissima acropoli con annessa la Cattedrale di Santa Maria di Castello e diversi edifici civili e religiosi, nonchÚ la maggior parte delle torri delle famiglie patrizie.
Il disastro economico si ha per˛ con l'interramento definitivo del porto (stimato essere, nel primo Trecento, fra i primi 5 del Mediterraneo per capacitÓ ricettiva di grandi navi mercantili).
Nel corso dell'anno 2007 Ŕ stata riconosciuta la importante valenza archeologica, anche in termini di qualitÓ conservativa, dei ritrovati resti dell'arsenale sforzesco di Savona (1471-1518), situato a sud dei resti del Castello di San Giorgio, demoliti ed asportati nel corso del medesimo anno.
Al posto del 21% circa del tessuto urbano cittadino, smantellato pietra su pietra e riutilizzato per l'interro del bacino portuale, verrÓ costruita la maestosa fortezza del Priamar, sui ruderi dell'antico Oppidum romano.
Da questo momento Savona seguirÓ le sorti della Repubblica di Genova.
Storicamente visse la sua etÓ di massimo fulgore economico tra la fine del XIII e la metÓ del XIV secolo, ma oggi Ŕ ricordata anche per vedersi attribuito a buon diritto il nome di CittÓ dei Papi. Una delle famiglie pi¨ blasonate della cittÓ, i Della Rovere, vide eletti due esponenti fra le sue fila: Francesco della Rovere, che assumerÓ il nome di Papa Sisto IV, e suo nipote Giuliano della Rovere, papa con il nome di Giulio II. Approfittando della parentela con i Della Rovere, anche i Riario ottennero cospicui posti di potere, come Ŕ il caso di Girolamo Riario, che divent˛ signore di Imola e di Forlý.
Sisto IV fu il promotore della Cappella Sistina (una seconda Cappella Sistina si trova nella stessa Savona, mausoleo dei genitori del papa), Giulio II mecenate di Michelangelo e Raffaello. Sotto Giulio II iniziarono a prestare servizio le Guardie Svizzere, la cui divisa reca ancor oggi l'emblema roveresco savonese.
Per oltre due secoli Savona fu sede di zecca, con l'emissione di oltre cinquanta tipi monetari, molti dei quali distrutti a seguito del 1528, oggetto di una sorta di damnatio memoriae al pari di molta preziosissima documentazione civica.
Nel Settecento la cittÓ riprese la sua attivitÓ marinara. Coi commerci fioriscono le arti, e Savona si arricchý di palazzi signorili, ville e chiese.
Nel 1809 la cittÓ accolse Papa Pio VII, prigioniero di Napoleone Bonaparte.
Con Roma ed Avignone, Savona - capoluogo del dipartimento francese n░108 o di Montenotte - fu la terza ed unica altra sede ufficiale nella storia della Chiesa.
Nel 1815 il Congresso di Vienna stabilirÓ l'annessione della Repubblica Ligure nei territori del Regno di Sardegna, col quale entrerÓ poi a far parte del neo costituito Regno d'Italia dal 1861.
Sotto l'amministrazione napoleonica del prefetto Chabrol de Volvic la cittÓ inizi˛ una lenta rifioritura, che evolverÓ con l'arrivo della ferrovia e, nel 1861, con l'apertura dello stabilimento siderurgico Tardy & Benech, germe della rivoluzione industriale savonese. La storia della siderurgia nella fidelissima terminerÓ soltanto 130 anni dopo.
Durante la Seconda guerra mondiale la cittÓ subý massicci bombardamenti aerei a causa della presenza di industrie belliche e del porto, che causarono gravi danni, specialmente agli antichi quartieri della zona portuale. Particolarmente intenso fu il bombardamento navale del 14 giugno 1940 nel quale Savona, coraggiosamente ma inutilmente difesa dalle batterie costiere e dal treno armato di stanza ad Albisola Superiore, fu fatta segno di oltre cinquecento colpi d'artiglieria sparati dalla marina francese.
Savona Ŕ tra le CittÓ decorate al Valor Militare per la Guerra di Liberazione perchÚ Ŕ stata insignita della Medaglia d'Oro al Valor Militare per i sacrifici delle sue popolazioni e per la sua attivitÓ nella lotta partigiana durante la seconda guerra mondiale. Inoltre Ŕ stata insignita anche della Medaglia d'Oro al Merito Civile per la lotta di resistenza partigiana.
Nel dopoguerra e fino agli anni settanta la cittÓ si Ŕ sviluppata come centro industriale e marittimo. Trasformatasi in hub turistico verso la fine degli anni novanta, dopo un ventennio di stagnazione dovuto alla chiusura degli stabilimenti.
Al giorno d'oggi Savona Ŕ la porta principale di accesso ai siti turistici dell'entroterra e della Riviera delle Palme, nonchÚ cittÓ turistica essa stessa, benchÚ stia ancora vivendo una delicata fase di transizione non estranea a profonde ferite urbanistiche e criticitÓ di carattere demografico. Savona Ŕ anche un importante scalo crocieristico del mar Mediterraneo.

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum